MAMMA TODAY una mamma di oggi

[5]

Deformazione grammaticale di una mamma



Quando si diventa mamma tutto cambia, si è più complete, più felici! Ma essere mamma implica anche degli elementi un po' "così" perché tutto d'un tratto dopo la nascita del pargolo non si ha più tempo per sé, non si capisce più quando è giorno e quando è notte, non si sa più come sia fatto il salone della parrucchiera, si preferisce indossare una comoda tuta piuttosto che i tacchi a spillo e si viene affette da una gravissima forma di deformazione grammaticale!



Intanto gioco un po' creando la scritta mammatoday


E' inutile nascondersi dietro un dito perché questo tipo di deformazione colpisce tutte noi! Prima di avere un figlio la grammatica è perfetta, si usano i tempi e i modi verbali corretti, si differenzia tra gli e le, si parla come delle persone normali insomma. Quando nasce un figlio invece la grammatica quotidiana subisce un fortissimo attacco di deformazione grammaticale acuta! 

I sintomi tipici della deformazione grammaticale da mamma sono:


- usare il plurale maiestatis quando si parla del proprio figlio. Esempio: "Abbiamo imparato a gattonare". Eh già è lui che ha imparato a gattonare e non noi.


- quando il bambino sta imparando a lallare tutto d'un tratto iniziamo anche noi a lallare come se fossimo regredite e avessimo temporaneamente dimenticato di parlare!


- parlando con nostro figlio siamo in grado di produrre dei versi al posto delle parole regredendo come se fossimo nel paleolitico! 



Questi sono i sintomi più salienti della deformazione grammaticale delle mamme,
se voi ne conoscete altri fatemeli sapere perché magari non mi rendo nemmeno conto di averli!


La cura? Non c'è, bisogna solo aspettare che i bambini crescano e imparino a esprimersi correttamente, così anche noi guariremo dalla nostra deformazione grammaticale acuta!




Mamma Angi

Deformazione grammaticale di una mamma Deformazione grammaticale di una mamma Reviewed by Angela Soffiati on gennaio 18, 2016 Rating: 5

6 commenti:

  1. Parliamo delle facce che fai mentre imbocchi un bambino in pieno svezzamento?
    Mio marito mi prende sempre in giro per questo! Dice che sono ridicola! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è vero, diventiamo dei clown delle volte :D

      Elimina
  2. Bel ricordo. Ho una foglia di 18 anni quindi la mia storia è più lunga, e devo dire che si continua a Ricrescere insieme a loro, dall'imparare a scrivere e fare i compiti fino agli studi di psicologia.
    Insomma non si finisce mai!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è proprio vero che si cresce insieme con i figli, io lo sto scoprendo ora e mi stupisco ogni giorno di quante cose si imparino da loro!
      Un abbraccio,
      Angi

      Elimina
  3. Diciamo che condividiamo perfettamente il loro linguaggio! Sai che è un ottimo spunto di riflessione sul lingusggio materno / infantile? Da approfondire... Buonanotte Angi!

    RispondiElimina
  4. Facce buffe, vocalizzi, cambi di tono alla voce...certo che siamo davvero buffe noi mamme, ma parliamo la lingua più bella e i nostri cuccioli si divertono a sentirci parlare così!

    RispondiElimina