MAMMA TODAY una mamma di oggi

[5]

Vaccino anti meningococco per il ceppo B


Sapete che mi piace essere informata su ciò che mi circonda e ancor di più su ciò che viene a contatto con mio figlio. Credo che informarsi rappresenti una grande forma di libertà perché solo conoscendo si può decidere se affrontare o meno una determinata situazione. Personalmente cerco sempre di informarmi con dei professionisti quindi ciò che vi riporto è quello che mi viene spiegato a me. Io non sono un medico e non pretendo di esserlo, ma sono solo una mamma che vuole essere a conoscenza di tutto il possibile.


Oggi voglio parlarvi della vaccinazione anti meningococco del ceppo B, noi abbiamo fatto oggi il secondo richiamo (ogni tanto compare la mia deformazione grammaticale da mamma portate pazienza!). 



Il meningococco è un batterio che solitamente prolifera in gola e nel naso e che si trasmette attraverso le vie respiratorie. Se rimane lì non c'è nessun problema, i guai sorgono quando il batterio raggiunge il sangue e quindi, tramite questo, riesce a raggiungere altri organi determinando la comparsa di malattie molto pericolose come la meningite. Questo tipo di infezione colpisce soprattutto i bimbi al di sotto dei 5 anni e tra questi più frequentemente quelli sotto i 2 anni. Ci sono svariati tipi di meningococco che vengono denominati con le lettere dell'alfabeto (A, C, Y, W135 e B).

Il metodo migliore per evitare che il meningococco causi gravi danni permanenti è la vaccinazione!


La vaccinazione per il ceppo B è abbastanza recente e in Veneto (io vi parlo per la mia regione, in caso fatemi sapere se altrove è diverso!) è gratuita. Questo vaccino serve per prevenire l'infezione da meningococco B, la quale viene di solito chiamata anche meningite fulminante!

Come tutti i vaccini, anche questo deve essere rinviato se il bambino non sta bene e quindi se ha febbre o comunque se il pediatra non lo ritiene pronto. 


Gli effetti collaterali che possono insorgere sono: gonfiore, rossore o dolore nella sede della puntura (sulla gamba), febbre di solito sotto i 38,5°, irritabilità, sonnolenza, pianto, vomito, mal di testa, diarrea e innapetenza.



Per noi è il secondo richiamo e vi dirò che con il primo a Daniele era venuta un po' di febbriciattola ed era molto irritabile, ma il tutto si è risolto nel giro di un paio di giorni quindi nulla di grave. Il pediatra in ogni caso ha consigliato per il dolore alla gamba, se dovesse insorgere, una pomata a base di arnica e per la febbre e irritabilità la solita tachipirina. 

Spero di essere stata abbastanza chiara e di essere riuscita a spiegarvi quello che è stato spiegato a me.

Credo sia molto importante vaccinare ma credo anche che si debba fare consapevolmente e quindi sapendo il perché viene fatto.



Mamma Angi


Vaccino anti meningococco per il ceppo B Vaccino anti meningococco per il ceppo B Reviewed by Angela Soffiati on gennaio 22, 2016 Rating: 5

7 commenti:

  1. Bravissima! Io mi sono mossa tardi con P., perché all'inizio non volevo fare nessuna vaccinazione, neanche quella obbligatoria. E' stata solo informandomi attraverso FONTI ATTENDIBILI (e non BLOG pro e contro, con tutto rispetto per noi blogger eh...ma se ne sentono davvero troppo), che ho potuto stabilire i rischi del farlo o meno. Solo che ora siamo in ritardo perché, come dicevi tu, il bambino deve stare bene e invece puntualmente P. si ammala a poche ore dal richiamo :( dobbiamo fare il secondo del meningococco e addirittura finire la trivalente (e siamo quasi a 3 anni eh....) solo che a Roma a volte ci sono file interminabili, per lo meno nei centri con cui mi sono sempre trovata bene (vedi Bambin Gesù). Ho prenotato a ottobre....mi hanno risposto che era libero un posto ad APRILE....comunque bel post!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da noi per fortuna non ci sono mai lunghe attese per le vaccinazioni... Certo che chiamare in ottobre e trovare posto in aprile mi sembra un'assurdità! E io che mi lamentavo dei tempi di attesa in Veneto (di solito per le visite di noi adulti ci sono lunghe attese, per i piccoli invece sono abbastanza veloci).
      Un abbraccio,
      Angi

      Elimina
  2. Sei fortunata. Io proprio in questi mesi sto combattendo una battaglia personale in Valle d'Aosta per poter fare questa vaccinazione. Qui non è prevista, ne' gratuitamente ne' a pagamento. Le famaci e possono vendere il vaccino, al costo di 150 euro a dose (dunque per quattro dosi, 600 euro!) ma ne' l'ospedale ne' il centro vaccinale intendono poi somministrarlo. Il pediatra di mio figlio non vorrebbe assumersi la responsabilità e, francamente, lo capisco. Insomma, altro che gratuito, proprio manca! Alla faccia dello Stato Italia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è assurdo che facciano pagare così tanto un vaccino che serve per tutelare la salute dei nostri piccoli! Non capisco come sia possibile che da noi sia gratuito e da te costi così tanto. Da noi lo fanno di prassi per tutti i bimbi nati dal 2015 in poi e soprattutto tutti i centri vaccinazioni lo fanno.
      Siamo così vicine eppure le cose funzionano in modo completamente diverso, assurdo!
      Un abbraccio,
      Angi

      Elimina
    2. Davvero assurdo, soprattutto considerato che si tratta di discriminazioni belle e buone che potrebbero pagare, sulla loro pelle (scongiuri!) i nostri figli!

      Elimina
  3. qui da noi in toscana questo tipo di vaccinazione è a pagamento per i bambini nati prima del 2015 €70,00 a dose , sono 2 dosi , le mie figlie lo hanno fatto tutte e due, anche perchè qui da noi in toscana è un anno che abbiamo l'emergenza meningite con vari casi soprattutto di tipo c e purtroppo con delle vittime, quindi vaccinazione gratutita per il tipo c dagli 11 ai 45 anni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente per i nati prima del 2015 non so se in Veneto si paghi o meno, mi informerò per sapere se anche qui si paga in quei casi.
      Un abbraccio,
      Angi

      Elimina