MAMMA TODAY una mamma di oggi

[5]

Il lavoro più difficile del mondo? La mamma!



Che lavoro fai? 

Il più difficile del mondo. 

E cioè? 

La mamma! 







Non sto scherzando, sono veramente convinta, anzi ne sono certa, che il lavoro di mamma sia il più difficile del mondo e se voi non ne siete convinte/i allora eccomi qui pronta a dimostrarvelo.


Per qualsiasi tipo di lavoro esiste una scuola di formazione da seguire per imparare come si deve eseguire il mestiere. Una volta terminato il corso di studi allora si può intraprendere la carriera per cui si ha studiato. Pensateci bene, c'è sempre un corso da seguire, per breve che sia, che ti spiega come vanno fatte le cose in quel determinato lavoro. Il bagnino fa il corso di salvataggio, l'avvocato fa l'università e il praticantato, il medico fa l'università e il praticantato, l'impiegata fa la scuola superiore apposita, l'operaio fa il corso professionalizzante, e così via. Peccato che la scuola sia contemplata per tutti i lavori tranne che per quello da mamma. Nessuno può spiegarti come si fa a fare la mamma e nessuno può insegnarti quale sia il modus operandi corretto da seguire per crescere bene i propri figli. La mamma deve imparare da sé strada facendo, deve capire da sola come comportarsi e deve applicarsi quotidianamente per assecondare al meglio la crescita fisica e psicologica dei propri figli. E' un continuo imparare, provare e sbagliare. Potremmo dire che il lavoro di mamma è un po' un lavoro da autodidatta in continuo divenire :) 


Appurato che una mamma non può studiare per diventare mamma, ci si deve rendere conto anche che, mentre in un lavoro "normale" esistono dei premi se si agisce correttamente e dei feedback immediati per capire come si sta procedendo, in quello di madre non si può sapere con certezza se si sta facendo bene o male il proprio mestiere. Solo in un futuro abbastanza lontano si può capire se si è lavorato bene come mamma o no. Bisogna aspettare che il proprio figlio/a sia abbastanza grande da poter capire se si è riuscite a trasmettere i propri valori, se il proprio bambino/a è diventato una persona educata e rispettosa e se il proprio piccolo è diventato un uomo in grado di vivere nel mondo e di fare qualcosa di buono. Quindi a breve termine nessuna mamma può sapere se il suo lavoro lo sta facendo bene, ma deve aspettare un sacco di tempo per saperlo e una volta saputo non può tornare indietro per rimediare perché ciò che è fatto è fatto!



Ok quindi niente formazione e niente feedback positivo o negativo immediato... Direi che già questi due punti potrebbero essere sufficienti per classificare il lavoro di mamma come il più difficile del mondo, ma voglio aggiungervene un altro! Mentre in tutti i lavori sono contemplati dei momenti di riposo,  ossia le ferie, per evitare che il lavoratore vada in burnout, per la mamma non è previsto nulla di tutto ciò! Non è prevista nemmeno la malattia per una mamma! Una mamma è mamma 24 su 24 e per 365 giorni all'anno, non ha possibilità di dire "stacco dalla famiglia per una settimana così mi ricarico le energie per l'anno a venire!". Una mamma deve essere presente sempre, giorno e notte, quando è stanca e quando è energica, quando sta bene e quando sta male, quando è felice e quando è triste, insomma sempre sempre e sempre ancora! E per il burnout?! Beh credo che in fondo ogni mamma rischi il burnout perché fa un lavoro che la sfibra mentalmente e fisicamente, ma, a differenza di tutti i lavoratori "normali", la mamma è in grado di rimettersi in sesto sempre e comunque. A una mamma basta un sorriso del proprio figlio per dimenticarsi di tutta la stanchezza emotiva e fisica, le basta una carezza o un "ti voglio bene mamma" per sentirsi gratificata, le basta sapere che il proprio figlio è felice per sentirsi felice a sua volta.



Voi siete d'accordo con me con il fatto che il lavoro della mamma sia il più difficile del mondo?




Mamma Angi



Il lavoro più difficile del mondo? La mamma! Il lavoro più difficile del mondo? La mamma! Reviewed by Angela Soffiati on giugno 16, 2016 Rating: 5