MAMMA TODAY una mamma di oggi

[5]

Come e quando dire "no" a un bambino di un anno


Il vostro bambino ha un anno e ormai è un ometto/donnina che cammina per casa, che sperimenta tutto ciò che è a sua portata e che sta imparando cosa sia l'autonomia. In questa fase la mamma e il papà devono imparare a dire "no" al proprio piccolo e a impartire delle regole di comportamento. Il bambino sta crescendo ed è arrivato il momento che inizi a capire cosa si può fare e cosa non si può fare.

Nel momento in cui si dice "no" al bambino non bisogna sentirsi in difetto o cattive, in quanto non si sta facendo del male al bambino, ma si sta contribuendo alla sua crescita.

Considerando l'età del bambino non è il caso di partire impartendo dei "no" dal mattino alla sera, semmai conviene dirlo solo quando è veramente necessario. Mi raccomando non mettetevi a urlare con il piccolo se fa qualcosa che non dovrebbe. Ditegli un "no" deciso ma allo stesso tempo cercate di mantenere un tono di comprensione. Bisogna fare in modo che il bambino capisca in cosa ha sbagliato e non che rimanga traumatizzato o che si spaventi.

Quando il bambino combina, o sta per combinare, un malanno, o sta per fare qualcosa per cui si potrebbe fare male, voi fermatelo, ditegli "no non si fa" e cercate di spiegargli in maniera semplice il perché. Vi sembrerà strano parlare con un bimbo che non si sa ancora esprimere ma credo che possa essere comunque utile cercare di spiegargli le cose piuttosto che dire semplicemente "no".


Quindi se vi chiedete come dire "no" al vostro bambino di un anno, la risposta è: bisogna dire il "no" in modo deciso ma senza urlare e cercando di trasmettere comprensione. Quando dire "no"? Non a ogni minimo errore che compie il bambino, altrimenti potrebbe risultare mortificante per il piccolo. Ditelo quando serve, ossia quando il bambino sta per compiere un gesto per cui potrebbe farsi male o se sta facendo qualcosa di sbagliato.


So benissimo che è molto più facile a dirsi che a farsi e che serve un'infinità di pazienza. Solo mantenendo la calma riuscirete a far capire al vostro bambino quali sono le regole da rispettare. E' dura, lo so perché sto vivendo proprio questa fase, ma ce la si può fare. Certo può succedere di perdere la pazienza, è capitato anche a me di alzare la voce, ma l'importante è non farlo diventare una prassi. Siamo mamme, siamo umane, quindi ogni tanto ci sta anche avere i nervi che saltano. 



Mamma Angi


Come sempre vi ricordo che tutto ciò che scrivo è frutto "solo" della mia esperienza personale da mamma :)


Come e quando dire "no" a un bambino di un anno Come e quando dire "no" a un bambino di un anno Reviewed by Angela Soffiati on luglio 07, 2016 Rating: 5

22 commenti:

  1. fidati che al secondo la pazienza si va a farsi friggere ahahaahahhah
    bellissimo post come sempre....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Già con uno si fa fatica, con due mi immagino che sia ancora più difficile :)
      Un abbraccio,
      Angi

      Elimina
  2. I "no" aiutano a crescere...ed è importante fin dalla prima infanzia esporre il bambino ai no e soprattutto alle regole!Sono daccordo con te... http://www.mammachebrava.com/le-prime-regole-ai-bambini/

    RispondiElimina
  3. follow me i follow back

    http://jemasija8.blogspot.de

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hello dear,
      I answered you on your blog ;)
      A hug,
      Angi

      Elimina
  4. I no donano ai bambini quei limiti che aiutano a crescere, rassicurano ed aiutano a capire il mondo.
    Brava Mamma Angi!

    RispondiElimina
  5. ottimi consigli per dire no a un bambino piccolo.

    http://modaodaradosti.blogspot.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ivana :)
      Un abbraccio,
      Angi

      Elimina
  6. thanks for stopping by at my blog
    following you now too
    xoxo

    RispondiElimina
  7. Sono pienamente d'accordo Angy.... io non posso lamentarmi, i miei figli non hanno mai fatto "capricci" (sono fortunata lo so) di conseguenza i no non sono stati recepiti come un rifiuto di qualcosa... pero' e' vero ci vuole tanta , ma tanta pazienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La pazienza non è mai abbastanza, ne serve sempre in gran quantità con i bimbi :)
      Un abbraccio,
      Mamma Angi

      Elimina
  8. Ottimi consigli!! Quella è la fase più importante in un bambino ed è giusto che comprenda ciò che può e non deve fare, ma in maniera equilibrata e senza traumi!
    Un bacione :*

    RispondiElimina
  9. Porre un limite è necessario e lo sarà sempre di più man mano che il bambino crescerà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, i limiti sono necessari fin da piccoli ;)
      Un abbraccio,
      Mamma Angi

      Elimina
  10. Il mio ha ormai 5 anni, e dire no e farglielo capire che è no ogni volta e un combattimento. Al primo tentativo gli spiego il perchè e no al secondo gli rispiego al 10 gli urlo no!!! ahahah Ma lui e capatosta e dopo un po ri fa il tentativo convinto che magari ho cambiato idea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah ah ah! Alla fine tutte prima o poi cediamo e urliamo. Non è per nulla facile mantenere il self control in ogni istante della giornata, ma questa è la dimostrazione che anche noi mamme siamo umane ;)
      Un abbracci,
      Mamma Angi

      Elimina
  11. IN realtà, ad un anno è piu' facile fargli capire i no che a quattro, te lo posso assicurare, perchè piu' crescono piu' "testano" i nostri limiti e cercano di capire fin dove possono spingersi.Dare ai figli dei confini entro cui muoversi, con i no, è davvero essenziale per farli sentire sicuri e, paradossalmente, amati...anche se poi noi mamme ci sentiamo un po' in colpa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso immaginare che in realtà più si vada avanti e più sia difficile. Quando sono tanto piccoli più che altro ti senti in colpa perché proprio perché sono ancora piccolini ma non c'è ancora la "ribellione" al divieto.
      Un abbraccio,
      Mamma Angi

      Elimina