MAMMA TODAY una mamma di oggi

[5]

Come scegliere una brava baby sitter


Non tutte le mamme hanno la grande fortuna di avere le nonne a casa a disposizione per tenere loro i bambini quando sono al lavoro, o quando devono uscire per fare qualche commissione. Ci sono alcuni luoghi e alcune situazioni in cui non è possibile portare con sé il proprio bambino e in quei casi è necessario trovare qualcuno che badi al proprio piccolo. Diventa quindi necessario per la mamma riuscire a trovare e a scegliere una brava baby sitter, una persona di cui fidarsi e a cui affidare il proprio amato bambino; ma come si fa? Ecco a voi qualche consiglio che potrebbe esservi utile nella scelta!






COME TROVARE UNA BABY SITTER

Prima di tutto bisogna trovare una baby sitter e ci sono diversi modi per farlo. Il primo metodo, che è anche il più utilizzato da tutte noi mamme, è il passaparola. Parlate con altre mamme e chiedete loro se hanno mai ingaggiato una baby sitter e se lo hanno fatto chi era, come si era comportata e come si erano trovati loro in generale. Sicuramente il confronto con le opinioni di altre mamme è un modo semplice per sapere già a grandi linee se la baby sitter è più o meno brava.

Se però con il passaparola non riuscite a trovare la baby sitter che vi soddisfi non preoccupatevi, esistono infatti delle apposite agenzie che si occupano della selezione e assunzione di baby sitter.



IL COLLOQUIO

Ora avete un appuntamento fissato per conoscere la baby sitter, preparatevi a cogliere più informazioni possibili durante il colloquio perché sarà durante questo che dovrete capire se è la tata adatta a voi o no.

Per prima cosa guardate la persona che avete davanti a voi perché anche il suo aspetto fisico e come si presenta possono darvi già delle informazioni sul tipo di persona che è. 

Fatevi dire le sue precedenti esperienze come baby sitter. Vi servirà sia per le referenze, sia per capire se ha già lavorato con bambini della fascia d'età dei vostri figli. Ovviamente bambini di età diversa hanno diverse necessità quindi sapere se ha già lavorato con bimbi che hanno l'età dei vostri potrebbe essere una buona discriminante. A tal proposito veificate sempre le esperienze che vi comunica perché fidarsi è bene e non fidarsi è meglio!

Chiedetele la sua disponibilità e flessibilità in tema di orari e fatele presente in che fascia oraria vi servirebbe il suo aiuto. E' fondamentale capire se può coprire tutte le vostre necessità poiché il vostro obiettivo è evitare di rischiare di trovarvi un giorno in cui avete bisogno della baby sitter ma lei non è disponibile. Chiarire da subito le vostre necessità riguardo gli orari limiterà senza dubbio questo rischio. 

Durante il vostro interloquire, se la baby sitter con cui state facendo il colloquio è straniera, valutate anche se parla bene italiano. E' fondamentale che parli bene e che capisca bene l'italiano! In alternativa potete anche valutare la possibilità di assumere una baby sitter che parli inglese così da stimolare il vostro bambino a imparare la lingua anglossassone, ma queste sono valutazioni che dovrete fare voi.

Chiedetele chiaramente la sua tariffa oraria. Anche il prezzo può essere una discriminante nel scegliere una baby sitter!

Durante il colloquio con la baby sitter fatevi guidare anche dal vostro istinto da mamma, perché non c'è nulla che funzioni più di quello! Se il vostro istinto vi dice che non è la baby sitter giusta per vostro figlio allora ditele che non è ciò che state cercando, e viceversa se vi sembra che sia quella adatta allora sceglietela.



ISTRUZIONI

A questo punto avete scelto la baby sitter che vi sembrava più brava e avete deciso di instaurare una collaborazione con lei. Adesso è fondamentale impartirle le istruzioni su ciò che dovrà fare. Dovrete essere molto chiare per evitare equivoci! A tal proposito potrete farle anche un elenco scritto di ciò che le direte. Stabilite tutto ciò che è vietato fare al bambino (es. mio figlio non può guardare la tv per più di mezzora, ecc.), cosa deve fare il bimbo durante il giorno (es. compiti, andare al parco giochi, orario in cui fare il riposino, ecc.), ciò che deve fare lei a livello domestico in casa (es. preparare il pranzo al bambino, fare qualche pulizia, ecc.), come deve comportarsi quando bisogna scridare il piccolo, ecc. Io vi consiglio di chiederle anche di non utilizzare il cellulare finché sta con vostro figlio poiché potrebbe essere motivo di distrazione e noi non la paghiamo per distrarsi ma per badare al nostro bambino!

Lasciatele inoltre scritti tutti i numeri di telefono per le emergenze perché non si sa mai!



ASSUNZIONE

Ora che avete scelto una brava baby sitter e l'avete istruita, dovrete passare alla fase burocratica della questione ossia dovrete pensare all'assunzione. Mettete SEMPRE in regola la baby sitter! Io vi consiglio di rivolgervi al vostro commercialista di fiducia o a un caf per farvi aiutare nell'assunzione della baby sitter e per farvi spiegare come funzionano i voucher, il versamento dei contributi e così via.



E SE POI NON VA BENE?

Avete assunto la baby sitter che vi sembrava più brava e più adatta alle vostre esigenze, ma se a distanza di uno/due mesi il vostro bambino fa ancora i capricci perché non vuole stare con lei (inizialmente è abbastanza normale che non voglia la baby sitter ma un po' alla volta dovrebbe abituarsi) oppure è triste quando lei arriva, allora dovrete cambiarla. Se dopo aver valutato attentamente la situazione e tutti i pro e contro, decidete che è il caso di provare a cambiare baby sitter, allora vi consiglio di comunicarlo subito alla tata. Come in tutte le cose la sincerità paga sempre, quindi spiegatele con tutta tranquillità il motivo per cui vi trovate costrette a dimetterla e accordatevi in modo chiaro sul fatto che lei dovrà rimanere a lavorare da voi fin tanto che non troverete una sostituta. E' fondamentale che non se ne vada subito, altrimenti voi restereste da un giorno all'altro senza baby sitter. Se trovate la sostituta prima del termine del periodo di preavviso di licenziamento allora vi consiglio di dire all'ex baby sitter di restare a casa in quanto inizierà a lavorare quella nuova, ma che comunque le pagherete i giorni che le spettano di diritto.

E' sempre difficile licenziare qualcuno ma pensate che lo state facendo per il bene di vostro figlio!



Mamma Angi


Come scegliere una brava baby sitter Come scegliere una brava baby sitter Reviewed by Angela Soffiati on settembre 01, 2016 Rating: 5

22 commenti:

  1. Non mi è capitato di dover avere una baby sitter avendo un lavoro autonomo. Credo che i tuoi consigli sono validi e diretti. E' importante trovare quella giusta per le esigenze del proprio figlio, alle volte il disagio del piccolo è un segnale che qualcosa non sta andando tanto bene nel suo rapporto con la tata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, a volte il disagio del bambino non è solo dovuto alla mancanza della mamma, ma può essere interpretato come un segnale che indica che la baby sitter non è quella adatta.

      Elimina
  2. Io faccio la baby sitter, o meglio ripetizioni, non so se sono brava, ma ce la metto tutta! certo non è facile;) un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando studiavo all'università facevo anch'io la baby sitter quindi ti capisco perfettamente quando dici che non è facile. Sono sicura che sei bravissima!
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Consigli davvero utilissimi, lasciare i propri cuccioli "nelle mani" di altri è una grande responsabilità; io ho sempre avuto la fortuna di avere i nonni disponibili, ma quando mi capitava di lasciare le piccole a loro, ogni tanto chiamavo per sentire come andava... sono un caso disperato :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io quando lascio Daniele dai nonni o dagli zii ogni tanto chiamo per controllare come va, ti faccio compagnia tra i casi disperati :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  4. Con la fine delle vacanze questo post è particolarmente attuale ed utile! Non è davvero facile trovare la persona giusta ma ne va della tranquillità dei nostri piccoli fare la scelta migliore! Grazie dei consigli :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia una delle scelte più difficili da fare per noi mamme :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. This is such a wonderful post! Have a nice day:)

    irenethayer.com

    RispondiElimina
  6. Ciao prima di tutto brava, bellissimo refresh del blog <3
    Non ho mai voluto una baby sitter nonostante la necessità ma essendo una lavoratrice autonoma ho fatto il grande sacrificio di crescerli sul mio ovattato posto di lavoro...li volevo con me. L'argomento che affronti è comunque di grande attualità, quello che mi sento di dire è lasciate i vostri bimbi in mani sicure.
    un bacio <3<3<3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta che ti piaccia il nuovo design :)
      Esatto, ciò che conta più di tutto è sempre lasciare i propri bambini in mani sicure!
      Un abbraccio!

      Elimina
  7. ottimi consigli! non è mai facile la scelta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valentina!
      E' vero è una scelta molto difficile da compiere...
      Un abbraccio!

      Elimina
  8. Anche io da ragazza ho fatto la baby sitter, grazie per le dritte

    RispondiElimina
  9. I see you have really good advices!
    xx from Bavaria/Germany, Rena
    www.dressedwithsoul.com

    RispondiElimina