MAMMA TODAY una mamma di oggi

[5]

Bambini e puzzle


Fare puzzle è divertente, rilassante e allo stesso tempo aiuta i bambini a sviluppare nuove abilità.



I puzzle appassionano i bambini grandi e piccoli, maschi e femmine, insomma piacciono un po' a tutti. Tramite i puzzle i bambini hanno la possibilità di sviluppare diverse capacità divertendosi.


In commercio esistono svariate tipologie di puzzle, ci sono quelli per i più piccoli composti da una paio di tessere da incastrare o accostare, quelli in legno, quelli in cartone, insomma ce ne sono un po' per tutti i gusti e per tutte le età.


Da che età i bambini iniziano a fare i puzzle?

I bambini solitamente riescono a fare i loro primi puzzle verso i due anni di età. Ovviamente a due anni un bambino gioca con dei puzzle adatti alla propria età, quindi composti da poche tessere. Con il passare del tempo poi si può man mano aumentare il livello di difficoltà proponendo al bambino dei puzzle sempre più complessi.

Quindi se devi fare un regalo a un bambino o a una bambina a partire dai due anni di età ricordati che potresti regalare un puzzle!


Quali capacità sviluppano i puzzle?

Proporre ai bambini fin dalla tenera età, ossia a partire dai 24 mesi, i puzzle può aiutarli a sviluppare la capacità di muoversi meglio nello spazio, la capacità di ruotare e identificare le forme, la capacità di migliorare la propria manualità e la capacità di osservazione. 

Accostare i tasselli del puzzle implica una grandissima capacità di osservazione, bisogna infatti capire quali forme si incastrano tra loro e quale figura andranno a formare una volta accostati correttamente. I bambini guardando la figura, che di solito è sulla confezione, dovranno capire come ricostruire il puzzle per riuscire a vedere quel disegno sulle proprie tessere.

I bambini facendo il puzzle impareranno anche ad avere pazienza e a cercare il pezzo giusto, perché con i puzzle non si può barare, c'è solo un pezzo giusto e bisogna cercarlo con calma e senza fretta.



Bambini e puzzle: apprendere divertendosi!

Degli studi hanno dimostrato che i bambini che tra i due e i quattro anni giocano con i puzzle tendenzialmente quando andranno a scuola avranno voti migliori in matematica e scienze. 

Assemblare puzzle può essere quindi un ottimo metodo per aiutare i bambini ad apprendere divertendosi!


Se poi anche tu, mamma o papà, sei un'appassionata di puzzle allora ancora meglio perché potrai giocare con il tuo bambino/a a incastrare i tasselli per dar vita a delle nuove immagini.




Per quel che mi riguarda posso dire che mio figlio ha iniziato a fare i puzzle composti da due tessere a 20 mesi, poi è passato a quelli composti da quattro tessere, poi da sei e ora, a 24 mesi, ha incominciato a giocare con i puzzle un po' più complessi, ossia da venti pezzi circa (ovviamente con il mio aiuto). Lui è un appassionato di puzzle, passa quasi metà della sua giornata a farli e devo dire che io ne sono contenta. Anch'io amo fare i puzzle quindi sono felice di poter condividere questa mia passione con il mio bambino.


A te piace fare i puzzle?


Mamma Angi



Bambini e puzzle Bambini e puzzle Reviewed by Angela Soffiati on marzo 28, 2017 Rating: 5

4 commenti:

  1. Io da bambina adoravo i puzzle!
    Tra un anno o due li proporrò anche a Sophia...
    Un bacio

    Nuovo post sul mio blog!
    Se ti va ti aspetto da me!
    Http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io adoravo i puzzle e li adoro tutt'ora :)
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. I puzzle sono giochi che appassionano i bambini perché riescono a creare. Inoltre un puzzle è una sfida che li concentra e mette in gioco competenze che solitamente non usano.
    Al mio nido piacciono tantissimo e creano momenti di gioco collaborativo, sono un gioco molto ambito! 😊

    RispondiElimina